'Il Green thinking di C.D.C. Luxury Chains'

Data: 4 agosto 2022 | Settore: Industria
'Il Green thinking di C.D.C. Luxury Chains'

L’azienda toscana, specializzata nella produzione di catene e accessori ornamentali per l’alta moda, guarda alla sostenibilità

“Per noi pensare in modo sostenibile significa considerare il rispetto dell’ambiente come aspetto-chiave di ogni scelta di business o di produzione.”

A sostenerlo è l’azienda C.D.C. di Campi Bisenzio, in provincia di Firenze, che concentra la sua attività nella produzione e finitura di catene ornamentali in metalli non preziosi – in particolare ottone, ferro e alluminio - destinate al mondo dell’alta moda, ma anche e con sempre maggiore soddisfazione, nell’offerta di servizi più specifici che riguardano la ricerca e lo sviluppo.
Dove ogni attività di ricerca e sviluppo guarda alla sostenibilità dei materiali e dei processi come a un punto fermo intorno al quale sviluppare ogni idea creativa e progettuale.
“In questo senso intendiamo caratterizzare il nostro futuro – sottolinea - sia nella proposta di materiali e trattamenti sicuri e sostenibili, sia nel ripensamento complessivo delle modalità di gestione e alimentazione del nostro impianto produttivo e delle linee di finitura degli accessori.”

Energia da fonti rinnovabili e riciclo delle acque
La sede produttiva di oltre 2.000 mq si trova in località Capalle ed è dotata di due linee distinte per lavorazioni industriali e manuali, con all’attivo un catalogo di oltre 6.000 modelli di catene e accessori fashion. Per la sua alimentazione C.D.C. ha scelto di investire in tecnologia green, con l’obiettivo di ridurre al massimo l’impatto ambientale e arrivare all’autonomia energetica da fonti di energia rinnovabile. Da qui l’installazione di un impianto fotovoltaico in grado di garantire buona parte del fabbisogno energetico e di trattare con un impianto di depurazione tutto il processo di riciclo delle acque utilizzate per l’attività galvanica. Ciò ha consentito di arrivare, ad oggi, al recupero e al riutilizzo del 97% delle acque utilizzate.

100% plastic free

“Una politica costante e rigida di progressiva eliminazione della plastica ci ha portato nel 2021 ad avere il 100% del materiale riciclabile utilizzato per packaging e imballaggi.”
Scotch e altro materiale in plastica utilizzato nelle attività di imballaggio e spedizione dei prodotti è stato completamente sostituito da materiale in carta, riciclabile e sostenibile. Lo stesso processo è stato applicato ai consumabili – come bicchieri e bicchierini per il caffè – mentre tutti i collaboratori sono stati dotati di una borraccia in alluminio per eliminare anche le bottiglie di plastica.

Un’ispirazione per la R&D

Da anni un ufficio interno si occupa di sviluppare nuovi modelli di catene, puntando su un'intensa attività di ricerca su materiali, forme e finiture. Tante le fonti di ispirazione, a partire dall'archivio storico fino alle principali tendenze del mondo fashion e non solo.
Un lavoro che prosegue con i test di qualità presso il laboratorio interno, con figure specializzate che effettuano tutte le prove previste dal protocollo interno (ma anche analisi specifiche richieste dal cliente), volte a certificare durata, resistenza, atossicità.
A maggior ragione l’avvento di una modalità di pensiero green è andata a costituire un forte elemento di ispirazione, ampliando la visione da un punto di vista tecnico ma anche creativo.

Monica Dall’Olio 

​MAGGIORI INFORMAZIONI SULL'AZIENDA

Altre news dal settore Industria: