Legno&Edilizia 2019: grande successo per l'XI edizione

Data: 20 Febbraio 2019 | Settore: Edilizia
Legno&Edilizia 2019: grande successo per l'XI edizione

Legno&Edilizia: 21mila presenze e focus sulla Bioedilizia

Il legnoè stato il protagonista indiscussodella quattro giorni “Legno&Edilizia” di Verona, che si è appena conclusa con esiti molto positivi. La fiera si è svolta dal 7 al 10 Febbraio scorsi.

L’ undicesima edizione si è chiusa con un rialzo di numeri, rispetto all’appuntamento precedente e con 21.000 visitatori presenti. Il risultato positivo, sicuramente, va attribuito anche alla nuova esposizione chiamata “EcoHouse”, che ha messo in vetrina i materiali e le tecnologie a favore di una maggiore sostenibilità e del risparmio energetico nell’edilizia. 

Eco House si conferma quindi come nuovo appuntamento fisso per la biennale, uno spazio laterale che si unisce perfettamente alla manifestazione di carattere sempre più internazionale.

Il legno nell’edilizia consente veramente di risparmiare e di ottenere maggiori benefici dalle abitazioni, che diventano sempre più smart, più ecologiche, dotate di sistemi di domotica e confortevoli.

Durante la kermesse si sono approfonditi gli aspetti più importanti della Bioedilizia,settore che continua a evolversi e crescere, per lo più in Trentino Alto Adige, in Veneto e in Lombardia. Qui ci sono aziende giovani che detengono oggi il 46% dell’intero comparto. In queste zone sono in aumento le costruzioni di edifici sostenibili, che oggi rappresentano il 53% delle abitazioni sostenibili presenti sul territorio italiano.

In fiera sono state visitate ben 180 aziende, dislocate su due padiglioni per una superficie espositiva totale di 25.000mq.  Legno&Edilizia ha messo in risalto nuove soluzioni in fatto di tecnologie di ultima generazione, di macchinari e impianti per la lavorazione del legno in edilizia, di case prefabbricate e sistemi per costruire, di pareti, di pavimenti, di strumenti e di accessori, di materiali e di progettazioni futuristiche.

Si continuano a studiare nuove soluzioni per tecnologizzare il settore e renderlo più sicuro, più veloce e più monitorabile. Durante il seminario “Legno 4.0 – cambiamenti in atto nelle costruzioni in legno”, tenutosi durante la fiera, è emerso che, secondo Felice Ragazzo – Docente dell’Università La Sapienza di Roma, i robot siano meno precisi rispetto alle macchine a controllo numerico, in fatto di costruzioni edili in legno. Inoltre Tommaso Martini – Ingegnere dell’SCM Group di Rimini, tra i più importanti produttori mondiali di macchine per il legno a controllo numerico, ha spiegato come funziona Smartech, un dispositivo per la realtà aumentata, capace di far apparire in tempo reale soluzioni ai problemi tecnici riscontrati, attraverso un occhiale che interconnette più operatori. Gli obiettivi di questo dispositivo, di una gestione intelligente, di software di monitoraggio e di simulazione sono ovvii, si punta a essere più produttivi, più efficienti e a ridurre costi e tempi di lavorazione.


Alberta Barbagli

Condividi su:

Altre news dal settore Edilizia: