Eurocarne 2018: si punta a una maggiore sostenibilità

Data: 7 febbraio 2018 | Settore: Agricoltura, Giardinaggio e Zootecnia
Eurocarne 2018: si punta a una maggiore sostenibilità

Eurocarne 2018 si è conclusa con un impegno per il futuro: proporre innovazioni ancora più sostenibili nella filiera della carne.

La 27esima edizione della fiera si è svolta a Verona dal 31 Gennaio al 3 Febbraio, in parallelo a Fieragricola, giunta alla sua 113esima edizione. Questo connubio ha portato il quartiere fieristico di Verona a catturare l’interesse di oltre 130mila visitatori.

In un contesto economico in cui il settore della carne vale oltre 30 miliardi di euro e rappresenta il 15% del fatturato dell’industria agroalimentare gli organizzatori hanno proposto un format differente. Gli obiettivi: creare una maggiore sinergia, dialogo e cooperazione tra gli allevatori della filiera della carne.

Il nuovo concept della manifestazione presentato ha voluto offrire ai visitatori e agli addetti del settore un evento di rilievo, sia per la qualità dei contenuti discussi che per l’innovazione proposta attraverso la vetrina di espositori. Si è cercato con questo appuntamento di Eurocarne di avvicinare e far incontrare tutti gli attori di questo segmento di mercato: produttori, distributori, macellai, consumatori e trasformatori, andando a toccare tutti i processi di una filiera sempre più orientata a una maggiore sostenibilità.   Eurocarne 2018

Al centro ci sono il benessere dell’animale, la conoscenza della provenienza della materia prima, le modalità di allevamento, di taglio e di lavorazione in tutte le fasi dei processi di produzione, fino ad arrivare al consumatore finale. Trasparenza e rispetto delle nuove esigenze dei consumatori.  Si è parlato di esigenze e servizi della GDO, si sono analizzati gli andamenti di agriturismi e della ristorazione veloce. La fiera ha messo in luce anche, attraverso alcuni momenti di show-cooking dimostrativi, come viene lavorata e preparata la carne, prima di servirla al pubblico.

Salute e sicurezza hanno impegnato i visitatori in diversi convegni e dibattiti rivolti ad aggiornare gli addetti ai lavori e a proporre soluzioni applicabili per rendere sempre più sicura e snella l’attività della filiera. ​


Alberta Barbagli


Condividi su:

Altre news dal settore Agricoltura, Giardinaggio e Zootecnia: