CIBUS TEC: le principali novità presentate nell'edizione 2016

Data: 2 novembre 2016 | Settore: Industria

Più sicurezza, velocità ed autonomia per gli operatori dell’industria agroalimentare: queste alcune delle principali novità proposte a CIBUS TEC 2016.

Presenze da 75 Paesi si sono interessate alle novità tecnologiche proposte da CIBUS TEC per l’intera filiera agroalimentare. Una 51esima edizione, che si è chiusa con esito positivo il 28 Ottobre 2016, ricca di spunti professionali, innovazioni e soluzioni volte a migliorare le attività dei principali attori di questo settore industriale, presentate da 1.200 aziende.

Emergono le esigenze di rendere sempre più autonomi e veloci, nelle attività quotidiane, gli operatori del comparto agroalimentare, e che possano lavorare in totale sicurezza. Si cerca di andare incontro alle richieste dei consumatori che oggi prediligono una vita in movimento e necessitano di cibi sani, di qualità, confezionati in modo da essere facilmente assunti in dosi singole e senza lunghe pause per i pasti.

Cibus Tec 2016

Entrano in scena nuove stampanti professionali in grado di consentire alle imprese produttrici e distributrici di vino ed olio di preparare in piena autonomia le etichette per le bottiglie in vendita, riducendo i tempi di consegna e le spese di produzione. Questa è un’innovazione portata da Epson, per la prima volta presente a CIBUS TEC. Sono stampanti compatte che sviluppano etichette colorate adesive, resistenti all’acqua, alla luce e alle sbavature. Tra le proposte della fiera anche l’idea di inserire nelle etichette di tutti gli alimenti informazioni salutari, come ad esempio quanta attività fisica va fatta per smaltire le calorie di quel dato alimento.

La logistica ha un ruolo chiave per l’industria, e così è anche per il settore agroalimentare. A CIBUS TEC sono state proposte soluzioni tecnologiche in grado di ottimizzare tutti i processi di lavoro, di renderli più sicuri. Arrivano barriere di sicurezza per i veicoli di carico e scarico merci, dal design innovativo, in grado di reggere a qualsiasi urto, evitando danni ai mezzi e alle persone. Anche la segnaletica nei percorsi delle aree industriali diventa più efficace, colorata e sicura, attutisce gli urti ed indica la strada verso il magazzino e le zone di deposito senza il rischio di rovinare mezzi, edifici e di creare danni accidentali agli operatori. Interessanti anche le scaffalature oscillanti in grado di reggere a scosse sismiche prolungate, fino a 24 ore.

Tra le intenzioni principali dei produttori di macchine per l’industria agroalimentare c’è il voler rendere autonomi i diretti interessati ai lavori. Si cerca di costruire macchine sempre più tecnologiche ed elettroniche, che possano richiedere interfacce di connessione dati, per facilitare le manutenzioni e per rendere più pratici i passaggi di risoluzione problemi, senza per forza includere l’uscita di un tecnico esperto, ma garantendo un collegamento di assistenza da remoto: più efficace, sempre attivo, meno dispendioso.

Alberta Barbagli

VAI ALLA SCHEDA DELL'EVENTO

Immagini news:

Condividi su:

Altre news dal settore Industria: